Top
29

Cortisolo Salivare - Cortisolo "Ormone dello stress"

30 Dicembre 2015

Nell’attuale situazione di vita ordinaria lo stress è comunemente riconosciuto un ruolo importante nella genesi, di disturbi e malattie.
Nel linguaggio comune lo stress sta a significare l’insieme di forze esterne ambientali sociali o fisiche, potenzialmente nocive, che producono una serie di reazioni biochimiche, somatiche e psicologiche all’interno dell’organismo. Questo produce un adattamento dell’organismo, conseguente o in difesa dello stress medesimo.
Si può affermare che lo stress è l’espressione di uno sforzo compiuto dall’organismo di fronte ad ogni richiesta di modificare il proprio stato di equilibrio (omeostasi). 

Ogni tipo di sollecitazione si presenta come una richiesta di modifica dell’omeostasi che, indipendentemente dalla causa, è caratterizzata da uno stimolo fisico, chimico o psico-sociale, è sempre associata e mediata da reazioni emotive.
È bene sottolineare che lo stress può assumere un ruolo importante nell’origine di alcune malattie, oltre a possedere la capacità di innescare i processi biochimici.
In realtà lo stress, sin dalla sua originaria formulazione (Selye, 1970), fu definito come “risposta aspecifica dell’organismo ad ogni richiesta effettuata su quest’ultimo”.

Una delle conseguenze dello stress è l’iperattivazione dell’asse ipotalamo-ipofisi-surrene e molte ricerche hanno esaminato l’ormone prodotto da quest’asse, cioè il cortisolo.
CORTISOLO (o Idrocortisone): il più importante degli ormoni glucocorticoidi prodotti dalla corteccia surrenale. Il cortisolo è presente in tre forme: libero, legato a proteine e metaboliti del cortisolo.

Il cortisolo libero è l’ormone fisiologicamente attivo e costituisce la porzione (5% del totale) che agisce a livello tessutale. Solo il cortisolo libero ed i suoi metabolici possono essere filtrati dal glomerulo.

La quota legata alle proteine si associa a due tipi di molecole: la prima, un’alfa-globulina, è detta cortisol binding globulin (CBG) e l’altra è l’albumina. La CBG riduce la sua affinità nelle zone dove è presente un processo infiammatorio, così da rilasciare localmente una quota maggiore di cortisolo. Quando la CBG è satura interviene l’albumina per legare il cortisolo in eccesso. La CBG aumenta in alcune condizioni come l’iperestrogenismo (gravidanza, contraccettivi orali). Attualmente si ottiene anche per sintesi. Ha una fortissima azione antiflogistica che viene sfruttata, assieme a quella antiallergica, in terapia, dove ha le stesse indicazioni terapeutiche del cortisone e dei cortisonici.

Esso riduce la produzione di testosterone, indebolisce il sistema immunitario ed è coinvolto in alcune condizioni patologiche come ipertensione, insulino-resistenza, obesità addominale, malattie infettive e disturbi depressivi. È stato ipotizzato, in effetti, che l’esposizione cronica a stress possa esercitare un’azione negativa sull’organismo alterando il ritmo circadiano del cortisolo, cioè l’andamento giornaliero del cortisolo, fisiologicamente alto la mattina e basso la sera.

Alcuni studi hanno osservato la relazione tra esposizione a fattori di stress e livelli di cortisolo e i risultati indicherebbero un incremento rilevante dei livelli di cortisolo associato a stress sul lavoro ed in genere a stress emotivi.

Il cortisolo è probabilmente l’ormone che più viene influenzato dall’esercizio fisico: la sua concentrazione sale durante l’attività fisica in rapporto all’intensità, alla durata, al tipo di test e al livello di allenamento del soggetto ed è stato studiato come marker della fatica sia in allenamento che in gara in atleti di alto livello.

La misurazione del livello del cortisolo è da diversi anni maggiormente accessibile per la possibilità di dosarlo nella saliva (esame non invasivo) e dal fatto che è una tecnica di prelievo semplice che permette di monitorare, con relativa facilità ed economicità, l’andamento del cortisolo nell’arco della giornata e/o in più giorni. 

Indietro

CMT Analisi Mediche

P. ITALIA, 14 - CAGLIARI (CA)
Tel. 070 563687
Cell 393 9493217
Fax. 070 563687
Email: info@analisicmt.it

Scarica le informazioni come: vCard

seguici su Facebook

 

Certificazioni Qualità (VEQ)

Il laboratorio CMT partecipa sistematicamente a Programmi di Valutazione Esterna della Qualità (VEQ). All'operatore vengono consegnati...
 

Scopri di più

Dove siamo

P. ITALIA, 14 - 09134 CAGLIARI (CA)

Scopri di più

CMT ANALISI MEDICHE

P. ITALIA, 14 - CAGLIARI (CA)
Tel. 070 563687 - Cell 393 9493217 - Fax. 070 563687
P.I. 01751790922 | Aut. San. n°: 2626 del 25/03/1994
Fotografie di Francesco Nonnoi